OPERE PUBBLICHEPRIMO PIANOTERRITORIO ECONOMIA E LAVORO

CALERNO, LA REGIONE FINANZIA LO STUDIO SULLA RIQUALIFICAZIONE DELL’AREA DI VIA PRAMPOLINI DI FRONTE ALLA CHIESA

attraverso un percorso partecipato che coinvolge parrocchia, volontariato e scuole materne

Queste ipotesi progettuali saranno alla base della progettazione partecipata, un percorso che ha l’obiettivo di condividere con i cittadini residenti, le scuole materne, le attività commerciali, le associazioni di volontariato e la comunità parrocchiale il progetto definitivo.

 

 

 

Il tratto terminale di via Prampolini a Calerno di fronte alla chiesa Santa Margherita sarà oggetto di uno studio di riqualificazione che coinvolgerà la Parrocchia, il volontariato locale, le scuole materne parrocchiali e le scuole dell’infanzia comunali.
Grazie al contributo regionale, a cui si somma quello comunale (circa 20 mila euro totali) i laboratori e le attività legate al raggiungimento di questo obiettivo che coinvolgeranno tutti i soggetti interessati , potranno usufruire delle risorse necessarie per l’ acquisto di materiali, la realizzazione di iniziative, l’acquisto di strumenti tecnologici, la collaborazione nel corso del percorso partecipato di esperti dotati di specifiche competenze professionali.
Queste modalità progettuali, sperimentate con successo in occasione della realizzazione del PSC (Piano Strutturale Comunale), consentono di rafforzare la coesione sociale e la partecipazione raccogliendo una pluralità di contributi e daranno un nuovo impulso alla valorizzazione dell’area interessata e di quelle adiacenti che comprendono piazza Carlo Alberto dalla Chiesa appena riqualificata, sulla quale insistono tante realtà commerciali e associative significative per Calerno, già vive e potenzialmente in grado di arricchire ulteriormente la loro proposta.
“Per quanto riguarda l’amministrazione – dichiara il Sindaco Marcello Moretti – è sempre tempo di lavorare e di portare a casa risorse ed opportunità che consentiranno di sviluppare ulteriori progetti soprattutto se c’è la sinergia anche con la Regione. Una formula che già in passato ci ha consentito di avere accesso a finanziamenti per la riqualificazione del centro del capoluogo (circa 100.mila euro in opere) che stiamo investendo in quel contesto come tutti possono vedere. Il nostro obiettivo è sempre quello di provare a rispondere ai bisogni della comunità e di attivare energie e persone che possono dare contributi attivi per far fare dei passi in avanti al paese. Sappiamo bene che i progetti si costruiscono passo dopo passo, ma vanno portati avanti con impegno e continuità per arrivare alla meta. Le polemiche “in itinere” che vengono attivate a intermittenza dalle opposizioni Lavorare per Sant’Ilario e Cambia Sant’Ilario li danneggiano soltanto e soprattutto fanno emergere uno spirito di contrarietà che equivale a bloccare opere e iniziative utili.”

Tags
Mostra tutto

Articoli Correlati