PRIMO PIANOSCUOLA

Un albero di mandorlo al Calvino, simbolo di crescita e di vita

Il ringraziamento del Sindaco ai docenti e alle famiglie della scuola primaria di Calerno per il bel progetto ambientale che ha coinvolto gli alunni

Care concittadine, cari concittadini,
noi adulti abbiamo molti doveri, ma tra i principali vi è quello di educare alla vita i nostri bambini ed il modo migliore è quello di dare esempi virtuosi. Alcuni giorni fa i docenti ed i bambini della scuola primaria Calvino di Calerno ci hanno invitati per presentare un loro progetto ambientale. Hanno piantato un albero di mandorlo e un gesto semplice ha scatenato in loro pensieri profondi, che si sono tradotti in poesia, musica, pittura. Arte e bellezza, insomma, stimolati da un gesto di tutela dell’ambiente. I bambini hanno scritto: “Tu sei ancora piccolo ma sei il nostro albero preferito, perché prima non c’eri e adesso ci sei. Più il tempo passa e più crescerai, proprio come noi: cresceremo insieme” oppure “Tu sei bellissimo, albero, il tuo tronco è del colore dei biscotti. Le tue radici sono piedi nascosti sotto terra. Le tue foglie sono occhi verdi che ci guardano. I tuoi rami sono braccia lunghissime. Da ogni tuo ramo nascono altri piccoli rami come piccole dita…”
Queste parole ci consegnano l’obbligo come adulti ed amministratori di educarli ed affiancarli nel compito di ricucire gli strappi che abbiamo inferto all’ambiente sfruttandolo e depauperandolo. Tocca a tutti noi prendere l’impegno di mostrare ai piccoli l’infinita poesia della Natura di cui siamo solo parte e non padroni. L’amministrazione e la comunità di Sant’Ilario e Calerno hanno preso seriamente le parole degli alunni, che ringraziamo insieme ai loro insegnanti e ai loro genitori: entrambi hanno un compito impegnativo ed affascinante.

Grazie per l’attenzione.

Carlo Perucchetti

Sindaco di Sant’Ilario d’Enza

Show More

Related Articles