AMBIENTEPRIMO PIANOSPORT

I 40 anni del CAI a Sant’Ilario

Una lunga storia di grande passione per la montagna per la sottosezione Cai Val d'Enza, che nel 2016 si è fusa con il Gruppo Escursionisti Bibbiano (GEB)

Sono ormai 40 anni che è stata fondata a Sant’Ilario la Sottosezione Cai Val d’Enza, la prima nel reggiano, oggi ne esistono altre cinque. Allora, come si usa fare anche oggi, 50 appassionati e frequentatori della montagna firmarono una richiesta indirizzata prima alla Sezione di Reggio poi alla sede centrale del Cai di Milano, dove veniva richiesto il consenso a staccarsi dalla Sezione di Reggio per dar vita alla nuova Sottosezione, sempre dipendente da quella di Reggio, ma autonoma nella gestione della sua vita normale.
Il sodalizio si è subito dimostrato molto attivo raccogliendo molte adesioni sia dal vicino parmense che da tutto il reggiano ed oltre. Negli anni la Sottosezione si è evoluta e trasformata seguendo i tempi. Molteplici sono state le iniziative nate grazie all’impegno dei molti volontari che si sono impegnati direttamente nella gestione della nuova associazione, dando vita a convegni, cicli di conferenze, dibattiti culturali riguardanti l’ambiente montano nei suoi molteplici aspetti ed in particolare quello locale comprendente la valle dell’Enza da cui ha preso il nome. Incontri con alpinisti di fama internazionale, memorabile la serata con Nives Meroi e il marito Romano Benet. Però credo che il fiore all’occhiello sia, senza ombra di dubbio, aver dato vita alla rassegna cinematografica che proiettava, dopo pochi giorni dalla “Prima”, i film di montagna presentati al “Film Festival di Trento” dove venivano (e vengono tutt’ora) presentati filmati da tutto il mondo. Questa prestigiosa rassegna è continuata fino alla chiusura del Forum, ma prosegue tutt’ora anche se leggermente modificata, a Cavriago, al cinema Novecento in collaborazione con gli amici della locale Sottosezione dei Cani Sciolti.
Qualche anno dopo la fondazione si è aggregato un gruppo nato nel frattempo autonomamente a Bibbiano, il Gruppo Escursionisti Bibbiano (GEB). Quest’ultimo è nato nel 1988 da una costola dell’allora Centro Culturale della biblioteca comunale del paese e, dopo alcuni anni di vita propria, si è “gemellato” con gli amici santilariesi per una comune visione di intenti e scopi delle due associazioni fin a quel tempo distinte. Questa convivenza è durata con reciproca soddisfazione fino all’assemblea generale dei soci del 2016 in cui si è deciso all’unanimità di fondere i due gruppi e modificare il nome della Sottosezione con l’aggiunta dell’acronimo GEB, da all’ora il nome ufficiale della Sottosezione è Sottosezione Cai Val d’Enza – GEB.
L’associazione gode di due sedi, una a Bibbiano (aperta su appuntamento) ed una a Sant’Ilario in via Podgora 5 (oppure via Piave 5) al primo piano della palazzina che ospita anche il bar dei campi da tennis, dietro le tribune del campo di calcio. E’aperta al pubblico il sabato pomeriggio dalle 16 alle 18. Per maggiori informazioni sui sentieri, per l’acquisto di cartine sentieristiche, o iscriversi al CAI, oltre che recarsi in sede è possibile scrivere a caivaldenzageb@gmail.com o seguirci sulla pagina FB GEB Cai val d’Enza o sul sito www.caivaldenza.it

Buon cammino a tutte e tutti dalla Sottosezione Cai Val d’Enza – GEB

Show More

Related Articles